PB: Polibutene

Proprietà generali

Nome breve:

Nome:

PB

Polibutene


Il polibutene ha una struttura lineare ed è principalmente isotattico. La tatticità descrive la disposizione spaziale stereochimica delle catene laterali (nella formula sottostante -CH2CH3) in un polimero e influenza fortemente le proprietà della plastica corrispondente, come la Conduttività termicaLa conducibilità termica (λ con unità di misura W/(m-K)) descrive il trasporto di energia - sotto forma di calore - attraverso un corpo di massa come risultato di un gradiente di temperatura (vedi fig. 1). Secondo la seconda legge della termodinamica, il calore fluisce sempre nella direzione della temperatura più bassa.conduttività termica, il Temperature di fusione ed entalpieL'entalpia di fusione di una sostanza, nota anche come calore latente, è una misura dell'apporto di energia, tipicamente calore, necessario per convertire una sostanza dallo stato solido a quello liquido. Il punto di fusione di una sostanza è la temperatura alla quale essa cambia stato da solido (cristallino) a liquido (fusione isotropa).punto di fusione e la temperatura di transizione vetrosa. Esistono tre tipi di disposizioni stereochimiche: isotattiche, atattiche e sindiotattiche. Una disposizione è detta isotattica se tutte le catene laterali etiliche si trovano sullo stesso lato della spina dorsale del polimero. In una disposizione sindiotattica, i gruppi etilici si alternano da davanti a dietro rispetto alla spina dorsale del polimero. Una disposizione arbitraria delle catene laterali è detta atattica.

Formula strutturale


Proprietà

Temperatura di transizione del vetroLa transizione vetrosa è una delle proprietà più importanti dei materiali amorfi e semicristallini, come i vetri inorganici, i metalli amorfi, i polimeri, i prodotti farmaceutici e gli ingredienti alimentari, ecc. e descrive la regione di temperatura in cui le proprietà meccaniche dei materiali cambiano da dure e fragili a più morbide, deformabili o gommose.Temperatura di transizione del vetro-da 30 a +20°C
Temperatura diTemperature di fusione ed entalpieL'entalpia di fusione di una sostanza, nota anche come calore latente, è una misura dell'apporto di energia, tipicamente calore, necessario per convertire una sostanza dallo stato solido a quello liquido. Il punto di fusione di una sostanza è la temperatura alla quale essa cambia stato da solido (cristallino) a liquido (fusione isotropa). fusioneda 115 a 135°C
Entalpia diTemperature di fusione ed entalpieL'entalpia di fusione di una sostanza, nota anche come calore latente, è una misura dell'apporto di energia, tipicamente calore, necessario per convertire una sostanza dallo stato solido a quello liquido. Il punto di fusione di una sostanza è la temperatura alla quale essa cambia stato da solido (cristallino) a liquido (fusione isotropa). fusione128 J/g
Temperatura di Reazione di decomposizioneUna reazione di decomposizione è una reazione termicamente indotta di un composto chimico che forma prodotti solidi e/o gassosi. decomposizioneda 450 a 460°C
Modulo di Young240/600 a 700 MPa
Coefficiente di espansione termica lineareda 110 a 140 *10-6/K
Capacità termica specifica1.da 8 a 2,0 J/(g*K)
Conducibilità termica0.da 17 a 0,22 W/(m*K)
Densità0.da 89/0,91 a 0,94 g/cm³
MorfologiaTermoplastico semicristallino
Proprietà generaliResistenza alle alte temperature. Buona resistenza chimica a solventi, oli, grassi, acidi e basi
LavorazioneStampaggio a iniezione, estrusione
ApplicazioniTubazioni (ad es. riscaldamento a pavimento, condutture dell'acqua potabile) Imballaggi alimentari (film, spesso con PE e PP) Adesivi hotmelt Composti e masterbatches

NETZSCH Misurazione

StrumentoDSC 204 F1 Phoenix®
Massa del campione11.06 mg
Fase isotermica8 min
Velocità di riscaldamento/collegamento10 K/min
CrogioloAl, coperchio forato
AtmosferaN2 (40 ml/min)

Valutazione

Oltre a una transizione vetrosa a -27°C (punto medio) con un ΔCapacità termica specifica (cp)La capacità termica è una grandezza fisica specifica del materiale, determinata dalla quantità di calore fornita al campione, divisa per l'aumento di temperatura risultante. La capacità termica specifica è correlata all'unità di massa del campione.cp di circa 0,10 J/(g-K), la plastica semicristallina mostra un intervallo diTemperature di fusione ed entalpieL'entalpia di fusione di una sostanza, nota anche come calore latente, è una misura dell'apporto di energia, tipicamente calore, necessario per convertire una sostanza dallo stato solido a quello liquido. Il punto di fusione di una sostanza è la temperatura alla quale essa cambia stato da solido (cristallino) a liquido (fusione isotropa). fusione endotermica - piuttosto stretto per le materie plastiche - nelsecondo riscaldamento (rosso) con un picco principale di 119°C. Dalla forma del picco si può concludere che la distribuzione del peso molecolare è largeomogenea. Il corrispondente calore diTemperature di fusione ed entalpieL'entalpia di fusione di una sostanza, nota anche come calore latente, è una misura dell'apporto di energia, tipicamente calore, necessario per convertire una sostanza dallo stato solido a quello liquido. Il punto di fusione di una sostanza è la temperatura alla quale essa cambia stato da solido (cristallino) a liquido (fusione isotropa). fusione ammonta a 42 J/g ed è quindi significativamente smallmaggiore rispetto alprimo riscaldamento (blu, 76 J/g). L'smaller effetto diTemperature di fusione ed entalpieL'entalpia di fusione di una sostanza, nota anche come calore latente, è una misura dell'apporto di energia, tipicamente calore, necessario per convertire una sostanza dallo stato solido a quello liquido. Il punto di fusione di una sostanza è la temperatura alla quale essa cambia stato da solido (cristallino) a liquido (fusione isotropa). fusione a valle a 129°C nelsecondo riscaldamento è molto più vicino alla temperatura di picco dell'effetto diTemperature di fusione ed entalpieL'entalpia di fusione di una sostanza, nota anche come calore latente, è una misura dell'apporto di energia, tipicamente calore, necessario per convertire una sostanza dallo stato solido a quello liquido. Il punto di fusione di una sostanza è la temperatura alla quale essa cambia stato da solido (cristallino) a liquido (fusione isotropa). fusione principale nelprimo riscaldamento (133°C). Si può quindi concludere che durante il raffreddamento controllato a una velocità di raffreddamento di 10 K/min, si è formata un'altra fase cristallina che non era originariamente presente. smallLa transizione vetrosa a -24°C (punto medio) nelprimo riscaldamento è simile a quella delsecondo riscaldamento, ma mostra un'altezza del gradino (ΔCapacità termica specifica (cp)La capacità termica è una grandezza fisica specifica del materiale, determinata dalla quantità di calore fornita al campione, divisa per l'aumento di temperatura risultante. La capacità termica specifica è correlata all'unità di massa del campione.cp) di 0,08 J/(g-K).